La stufa e la pantera


Gnifhirigù

Una stufa magica che creava, dal fumo che ne scaturiva, esseri viventi. Nuvole di fumo vive. Una di queste creature era Gnifhirigù, una pantera albina affamata di verità… Una verità sconcertante che riguardava la stufa magica.

Uno stregone, figlio di un drago di bronzo, realizzò questo strano artefatto per creare l’amore perfetto. Qualcosa, nell’incanto, non deve essere andata secondo i suoi piani e la sua anima venne risucchiata dalla sua creatura. Eh già, la sua stufa era viva. E vorace. Ghiotta di emozioni. Il suo piatto preferito era la bramosia degli uomini, stolti come la loro continua insoddisfazione.

Gnifhirigù era nata da un paio d’ore. Appariva come uno spledido esemplare di pantera albina adulta. Attorno a lei c’era un campo bruciato, una piccola casa dal tetto d’ebano e migliaia di corpi inanimati, disposti a formare un macabro cerchio. Al centro di questa immagine – man mano realizzata da Gnifhirigù – una stufa vomitava fumo dalla sua bocca incandescente.

«Ehi! Inutile guardarsi attorno con quell’espressione da ebete. Mettiti comodo e aspetta il tuo turno» Una voce stridula irruppe nella scena. «E abbassa il tuo capoccione. Sono sotto di te. Sono un verme, dov’altro potrei essere?!» Lo stridio divenne una risata acuta. Gnifhirigù si sedette su due zampe, chinò il capo e fissando il corpo allungato e molle del verme, chiese: «Dove ci troviamo?»

«Tra i desideri degli uomini» replicò prontamente l’invertebrata creatura. «Ogni aspirazione, ambizione, fantasia o volontà, degli uomini che cercano riparo nella “Casa d’ebano”, viene assorbita dal demone che vive dentro la stufa che governa questo piano d’esistenza».

Il felino annuì, si voltò verso l’enorme stufa, e con un balzo rovinò sull’oggetto demoniaco. Un’artigliata dopo l’altra, fino al cuore del suo nemico. Il terreno iniziò a tremare. La pioggia a cadere copiosa. Un fulmine s’abbattè sulla piccola casa.

Gnifhirigù si accasciò, e dalle sue fauci – ancora spalancante – una piccola nuvola di fumo si sollevò.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...